DigiStress

App & Web per sviluppare competenze sullo stress digitale
2019-1-DE02-KA204-006117

Quanto tempo passi ogni giorno a controllare la tua e-mail e le notizie, a vedere i post dei tuoi influencer preferiti su Instagram e a tenere aggiornati i tuoi amici online con le storie su Facebook? Per questo, ti sei mai sentito sotto stress? Lo stress digitale, causato per esempio dalla pressione di rispondere ai messaggi il più velocemente possibile o dalla “paura di perdere qualcosa”, è un problema che è diventato sempre più evidente negli ultimi anni.

Pertanto, è il tema del progetto europeo “Formazione per l’alfabetizzazione allo stress digitale sotto forma di app basata sul web (TRIGS)“, che è iniziato nell’ottobre 2019.

Per il progetto, organizzazioni educative di Italia, Bulgaria, Slovenia, Grecia e le organizzazioni tedesche “Stiftung Medien- und Onlinesucht” e “Systeme in Bewegung e.V.” hanno unito le forze per sviluppare un App per prevenire e alleviare lo stress digitale.

L’obiettivo del progetto è quindi quello di rendere gli utenti di internet consapevoli dei rischi per la loro salute mentale e di sviluppare un’applicazione che insegni come affrontare consapevolmente i propri fattori di stress digitale e a ridurli.

Conoscenza di base relativa allo stress:

In parole povere, la risposta del nostro corpo allo stress è ancora la stessa che aveva nell’età della pietra all’incontro con una tigre dai denti a sciabola: prepararsi a fuggire o combattere. Questo significa che il nostro corpo fornisce più energia aumentando la pressione sanguigna e accelerando il polso, il metabolismo dei grassi e degli zuccheri e l’attenzione è focalizzata sui fattori di pericolo (stress trigger). La respirazione diventa meno profonda e più veloce. Allo stesso tempo, altri processi corporei come la digestione e il sistema immunitario sono inibiti per conservare al massimo l’energia. Una recente ricerca mostra che le risposte allo stress possono variare in parte a seconda del sesso, della fase della vita e dell’emozione che viene innescata principalmente. Tuttavia, descriverli in dettaglio va oltre lo scopo di questa applicazione.

La nostra risposta allo stress è innescata da fattori di stress come la sopraffazione, la tensione e il conflitto. Può essere amplificata da atteggiamenti personali, schemi di pensiero e valutazioni (per esempio il perfezionismo). Nell’età della pietra, una volta che la situazione pericolosa era finita e la tigre dai denti a sciabola era stata uccisa o spaventata con successo, il corpo era in grado di calmarsi. Gli ormoni che hanno gli effetti sul corpo descritti sopra di norma vengono a cessare e il corpo entra in una fase di recupero. Al giorno d’oggi  spesso non avviene, i fattori di stress come la costante accessibilità o la pressione delle scadenze fanno persistere lo stimolo ormonale per un periodo di tempo più lungo. La reazione acuta di stress descritta sopra può essere seguita da uno stato cronico di stress, che si manifesta con sintomi come esaurimento generale, indebolimento del sistema cardiovascolare e degli organi sensoriali, problemi digestivi e tensione. Le conseguenze psicologiche possono causare problemi di sonno, difficoltà di concentrazione e irritabilità fino alla depressione e ai disturbi d’ansia.

Fonti:

  • Hans Selye: Stress. Lebensregeln vom Entdecker des Stress-Syndroms. Rowohlt TB-V., Rnb. (Mai 1986) ISBN 978-3499170720 (u. div. a. Bücher von H.Selye)
  • Taylor SE, Klein LC, Lewis BP, Gruenewald TL, Gurung RA, Updegraff JA: Biobehavioral responses to stress in females: tend-and-befriend, not fight-or-flight, Psycholical Review, Band 107, Nr. 3S. 411–429, 2000 (Review).
  • G. Sobrinho u. a.: Cortisol, prolactin, growth hormone and neurovegetative responses to emotions elicited during an hypnoidal state. In: Psychoneuroendocrinology, Januar 2003, 28(1): 1–17

Coordinatore

Stiftung Medien- und Onlinesucht

Partner

Stiftung Medien- und Onlinesucht

Winsen/Luhe, Deutschland

www.systemeinbewegung.de

EDUCOMMART

Atene, Grecia

www.educommart.org

LERNWERKSTATT EUROPA e.V.

Pleven, Bulgaria

www.lernwerkstatt-bg.eu

Poklicni center obala

Izola, Slovenia

www.pco.si

Nabu Che

Valdilana, Italia

www.nabuche.it

Se volete potete scriverci: [email protected]